I baby monitor sono dispositivi che, come suggerisce il nome, consentono ai genitori di controllare i bambini in ogni momento. Sebbene non siano oggetti essenziali per la cura dei bambini, sono molto utili. Sono dotati di una videocamera e di un microfono che consentono di vedere e ascoltare il bambino per accertarsi che stia bene.

Attraverso un piccolo monitor, i genitori possono controllare in ogni momento cosa sta facendo il proprio figlio. Nel frattempo, saranno in grado di continuare le loro faccende quotidiane. Se stai pensando di acquistare uno di questi dispositivi, ti invitiamo a consultare questa guida per acquistare il miglior baby monitor per le tue esigenze. Leggi le nostre proposte e i consigli.

Le cose più importanti in breve

  • I baby monitor con videocamera sono i più richiesti, dal momento che ti permettono di visualizzare il bambino mentre è nella sua culla e non solo di ascoltarlo.
  • Sono strumenti molto utili, specialmente nelle case più grandi. Ovviamente, non bisogna dimenticare di prendere in considerazione la portata del modello da acquistare.
  • Alcuni baby monitor consentono la comunicazione bidirezionale. Ciò significa che i genitori possono parlare con il bambino attraverso il dispositivo senza dover andare nella sua stanza.

Classifica: I migliori baby monitor sul mercato

I baby monitor sono molto comodi da utilizzare per molti motivi e si adattano alle esigenze di tutti i genitori. Sul mercato troverai vari modelli con diversi design e funzionalità. In questa sezione, esaminiamo alcuni dei migliori baby monitor del momento. Controlla le loro caratteristiche prima di scegliere il dispositivo che fa al caso tuo.

Posto nº1: Philips Avent SCD501/00

Questo baby monitor Philips offre un audio nitido e un collegamento molto affidabile oltre a una confortevole luce notturna. Funziona a corrente e a batterie. Grazie alla funzione ECO Smart risparmia la batteria modulando la potenza della trasmissione a seconda della distanza dal bambino (portata da 50 metri interni a 300 metri esterni).

La tecnologia DECT è in grado di eliminare le interferenze con altri dispositivi elettronici. Molto apprezzata dai genitori l’ampia portata del dispositivo che funziona anche a due piani di distanza e soprattutto la capacità di rilevare il più piccolo rumore nella stanza del bambino. Un piccolo difetto è la leggerezza dei dispositivi che rischiano di cadere se urtati anche leggermente.

Posto nº2: GHB Babyphone

Questo dispositivo possiede un monitor a colori LCD con anche la visione notturna a infrarossi. Grazie alla funzione VOX le batterie vengono risparmiate quando tutto è tranquillo e riattivano il dispositivo al minimo rumore del bambino. Monitora anche la temperatura ed offre un’ampia portata da 50 metri all’interno fino 260 metri all’esterno.

Un ottimo prodotto secondo gli acquirenti anche nel rapporto qualità/prezzo. Molto buone le immagini trasmesse e nessun fruscio di sottofondo. Possiede anche la funzione interfono utile per riprodurre la propria voce direttamente nella camera del bambino per tranquillizzarlo.

Posto nº3: Motorola MBP36S

Uno dei baby monitor più venduti su Amazon, in grado di offrire un display HD a colori da 3,5 pollici e la visione notturna a infrarossi, per consentire ai genitori di monitorare il loro bambino anche in condizioni di visibilità ridotta. L’inclinazione orizzontale e verticale della fotocamera, così come lo zoom, offrono una visione ottimale del bambino.

Questo baby monitor consente anche la comunicazione bidirezionale, offre un sensore di temperatura, ninne nanne e modalità eco, tra gli altri extra.Ottimo prodotto secondo gli acquirenti, anche grazie alla notevole portata e all’ottima sensibilità audio. Apprezzata anche la robustezza del dispositivo e la stabilità.

Posto nº4: GEEDIAR Wireless Video Baby Monitor

Questo baby monitor dal design piacevole e dall’ottima stabilità consente di sorvegliare i bambini utilizzando il dispositivo portatile in maniera bidirezionale, cioè ascoltando i rumori provenienti dal bambino e trasmettendo la propria voce. È anche in grado di monitorare la temperatura nella stanza del piccolo e di trasmettere ninne nanne rilassanti.

Molto più conveniente dei marchi più blasonati, questo articolo ha ottenuto ottime recensioni dagli utenti, grazie anche alla buona portata e soprattutto all’ottimo audio che offre. Il monitor presente sul dispositivo genitori offre immagini nitide anche di notte anche se si scarica con una certa rapidità.

Posto nº5: USBONLINE Baby Monitor LCD

Questo baby monitor che trasmette tramite una frequenza a 2.4GHz offre un pieno controllo di ciò che accade nella stanza del tuo bambino: trasmissione audio e video con visione notturna a infrarossi su un display LCD da 2,0”, batterie ricaricabili, 8 melodie pre-caricate da trasmettere al bambino, possibilità di installazione a muro della videocamera.

Molto economico rispetto a tanti altri dispositivi simili, si è rivelato un ottimo strumento secondo gli acquirenti che ne hanno apprezzato anche la buona portata su 2 piani. L’immagine trasmessa risulta alquanto nitida così come l’audio molto preciso. Qualche dubbio solo sulla batteria del ricevitore che non è di lunghissima durata.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui baby monitor

Prima di acquistare un baby monitor, dovresti considerare diversi fattori. Ricorda che sono prodotti che garantiscono la sicurezza del bambino mentre dorme, quindi cerca di selezionare un modello in linea con le tue esigenze. Qui di seguito, cerchiamo di risolvere alcuni dei dubbi più frequenti su questi articoli.

baby-monitor-prima-xcyp1

I baby monitor sono uno strumento indispensabile per la tua casa.
(Fonte: Andriy Popov: 41933965/ 123rf.com)

Che cos’è un baby monitor e come funziona?

Un baby monitor è un dispositivo di monitoraggio per i neonati. È uno strumento che offre tranquillità ai genitori, perché consente al bambino di poter essere controllato da un’altra stanza. Ciò è possibile grazie al fatto che i baby monitor incorporano funzionalità audio e / o video, consentendo di ascoltare e / o visualizzare il bambino attraverso un microfono e una videocamera.

I baby monitor sono composti da due unità: un trasmettitore e un ricevitore. Il primo dovrà essere posizionato accanto al bambino, mentre il secondo rimarrà con i genitori. A seconda del modello, dello scopo o delle funzionalità, questi oggetti consentono di monitorare il bambino, senza dover essere fisicamente con lui, mentre si svolgono le attività quotidiane.

foco

I baby monitor sono estremamente funzionali e ti permettono di svolgere altri compiti mentre il tuo bambino dorme.

In quali casi è utile un baby monitor?

Questi dispositivi sono molto pratici per molte persone. Nelle case più grandi sono molto utili, dato che consentono ai genitori di poter controllare il proprio bambino anche quando sono in un’altra stanza. Soprattutto per i papà principianti, che di solito sono un po’ più ansiosi, sono articoli che offrono una grande tranquillità.

Molti genitori si preoccupano per la cosiddetta sindrome da morte improvvisa infantile (SIDS). Si tratta di una circostanza improvvisa che potrebbe essere motivata dal soffocamento a causa di una cattiva postura. I baby monitor più avanzati dispongono di sensori di respirazione che avvisano i genitori se il bambino non respira normalmente.

baby-monitor-seconda-xcyp1

Avere la certezza che tuo figlio stia bene ha un valore inestimabile.
(Fonte: Dzmitry Kliapitski: 115810492/ 123rf.com)

Dove bisogna installare il baby monitor?

In primo luogo, è necessario prendere in considerazione la portata del baby monitor, cioè la distanza massima a cui deve essere collocata l’unità ricevente. In generale, varia tra 100 e 400 metri, a seconda del modello.

Per quanto riguarda l’unità di invio, essa dovrebbe essere posta a distanza di sicurezza dal bambino.

Ciò significa metterlo fuori dalla sua portata, in modo che non si impigli con cavi o altre parti. Nel caso dei dispositivi dotati di videocamera, assicurati che la messa a fuoco sia chiara. Ricorda che altri elementi come le reti WiFi, i telefoni cordless o i microonde potrebbero interferire. Pertanto, tieni lontano il baby monitor da questi dispositivi.

Quanti tipi di baby monitor ci sono?

A grandi linee, potremmo dire che ci sono tre tipi di baby monitor: con audio, con video e con sensore di movimento. I primi, detti anche intercom, sono i walkie-talkie più semplici. I baby monitor con video inviano le immagini all’unità ricevente e anche il suono.

Questi sono, quindi, più completi dei primi e solitamente hanno uno schermo ricevente che consente di visualizzare le immagini. Per quanto riguarda la fotocamera o l’unità di emissione, di solito incorpora la visione notturna a infrarossi. I baby monitor con sensore di movimento sono molto più avanzati, poiché avvertono anche se la respirazione del bambino non è adeguata.

Tipologie di baby monitor Caratteristiche Vantaggi
Con audio Trasmettitore di suoni

Può essere unidirezionale o bidirezionale

Nitidezza del suono

Strumento semplice

Con vídeo Trasmettitore di immagini e suoni

Consente zoom e visione notturna

Immagini in tempo reale

Alta definizione

Con sensore di movimento Audio e video

Avvisa se il bebé smette di respirare

Permette di prevenire la SIDS

Criteri d’acquisto

Per poter selezionare il miglior baby monitor, è consigliabile tenere conto di alcuni aspetti. Ogni modello è un mondo è diverso e la sua idoneità dipenderà dai tuoi bisogni e quelli del bambino. Pertanto, ti invitiamo a considerare vari criteri di acquisto per scegliere il baby monitor migliore per te. Presta attenzione a questi dettagli prima di prendere una decisione.

  • Con o senza fotocamera?
  • Portata
  • Autonomia
  • Comunicazione
  • Risparmio energetico
  • Extra

Con o senza fotocamera

Dati i diversi tipi di baby monitor presenti sul mercato, è una buona idea chiedersi se ti serve un modello con fotocamera o senza. Nel caso in cui non ti bastasse semplicemente ascoltare i suoni provenienti dalla camera del tuo bambino, potresti valutare l’acquisto di un dispositivo con videocamera integrata. Verifica che abbia la visione notturna a raggi infrarossi, per poter vedere il tuo bambino con una certa chiarezza.

È consigliabile che la fotocamera sia mobile, in modo da poterla orientare il più possibile verso il bambino. Un’altra caratteristica interessante è rappresentata dallo zoom.

foco

Per quanto riguarda lo schermo, l’ideale sarebbe un display da minimo 2 pollici ad alta risoluzione. Se è più grande, ovviamente, ti offrirà un campo visivo più ampio.

Portata

La portata si riferisce alla alla distanza massima alla quale possono funzionare entrambe le unità del baby monitor. È un dettaglio importante, specialmente nelle case più grandi. È necessario prendere in considerazione le dimensioni della casa per selezionare il modello più appropriato in grado di coprire le distanze necessarie.

La distanza tra le diverse stanze potrebbe essere un inconveniente se è eccessiva. In generale, i baby monitor hanno un raggio di trasmissione compreso tra 100 e 400 metri, quindi non dimenticare di considerare questo fattore. Invece, se hai intenzione di usarlo in un piccolo appartamento, non sarà un problema per te.

J. Mateu SanchoMedico pediatra

“I baby monitor consistono di due unità, una per il bambino e una per i genitori, che sono molto utili quando la famiglia vive in una casa molto grande o con vari piani.”

Autonomia

Un altro criterio di enorme importanza è l’autonomia del baby monitor. Questo aspetto determinerà il tempo di funzionamento del dispositivo. I modelli più recenti sono dotati di una batteria di alta qualità che si può ricaricare collegandosi alla rete elettrica. Ci sono anche dispositivi che funzionano con le batterie.

È certamente meglio assicurarsi che l’apparecchiatura incorpori una batteria al litio con sufficiente autonomia. In questo modo, ti potrai assicurare che il baby monitor non si spenga nel bel mezzo di una notte o di un pisolino del tuo piccolo. Sul mercato è possibile trovare modelli con un’autonomia di circa 7 ore, un valore abbastanza accettabile.

baby-monitor-xcyp1

La videocamera deve coprire il maggior spazio possibile.
(Fonte: luliia Albul: 79795589/ 123rf.com)

Comunicazione

La comunicazione dei baby monitor può essere unidirezionale o bidirezionale. Il primo caso si riferisce a quei dispositivi che consentono di ascoltare la voce e i suoni del bambino. Invece, i modelli bidirezionali sono progettati anche per trasmettere la voce dei genitori al dispositivo accanto al bambino.

Questi ultimi sono spesso la scelta preferita di molti genitori, poiché rappresentano un buon modo per rassicurare il bambino: quando si mette a piangere o è a disagio, non sarà necessario andare nella sua stanza.

foco

Basta parlare con lui o bisbigliare attraverso il dispositivo per aiutarlo a calmarsi e tornare a dormire.

Risparmio energetico

Attualmente, la maggior parte dei modelli ha una modalità di risparmio energetico o ecologica. Questo dettaglio renderà la batteria molto più duratura. Le alternative sono diverse. Da un lato, puoi scegliere di mantenere lo schermo sempre acceso, in modo che i genitori possano controllare il bambino in qualsiasi momento.

A seconda del modello, ci sarà la possibilità che lo schermo si accenda solo quando rileva i suoni. Questa è una delle possibilità della modalità eco, che consente di non sprecare inutilmente la batteria. Inoltre, esistono i modelli con sensore di movimento il cui schermo si accende se viene rilevata una certa attività nella stanza.

Extra

Infine, è possibile acquistare un baby monitor che include ulteriori accessori, anche se non essenziali, contribuendo a renderlo più pratico. Uno degli extra più comuni è la luce ambientale. Può sembrare una caratteristica inutile, ma la verità è che farà sì che il piccolo non si senta solo in mezzo alle tenebre.

Ci sono modelli che riproducono ninne nanne o canzoncine per aiutare il bambino ad addormentarsi. Un’altra caratteristica utile è il sensore della temperatura, che permetterà di controllare se il comfort della stanza è ottimale. Ci sono anche baby monitor che hanno un allarme o che ospitano più telecamere in un singolo ricevitore, tra gli altri extra.

Conclusioni

I baby monitor sono dispositivi pratici che aiutano a tenere d’occhio il bambino in ogni momento. Il vantaggio è che non dovrai essere fisicamente con lui e potrai continuare con le tue attività quotidiane. È sufficiente avere questi dispositivi nelle vicinanze per essere sicuri che il bambino stia bene.

Poiché non hanno limiti di età, puoi usarli con il tuo piccolo fino a quando pensi che sia utile per te e per lui. Possono essere utili anche quando il bambino cresce e magari desideri osservarlo mentre gioca nella sua stanza, per esempio. Ricorda che ci sono diversi modelli, tipi e marche, quindi considera sempre prima quali sono le tue esigenze.

Se ti è piaciuta questa guida per l’acquisto di un baby monitor, ti invitiamo a condividerla sui social network e a lasciarci un commento.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Badaev: 75112730/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
42 Voto(i), Media: 4,52 di 5
Loading...