I massaggiagengive sono oggetti molto utili a partire dai tre mesi. Se è vero infatti che ai bebé iniziano ad uscire i primi dentini intorno ai sei mesi, è molto prima che iniziano a provare i primi fastidiosi sintomi. Tra questi vi sono malessere, arrossamenti e i conseguenti lamenti e pianti. I massaggiagengive sono stati progettati proprio per alleviare questi fastidi.

È risaputo che con l’uscita dei denti i bebè devono superare una fase per niente semplice e con anche genitori non rimangono certo indifferenti. I massaggiagengive fanno in modo che questo fastidio sparisca o, almeno, che venga alleviato. Per questo sono indispensabili. Bisogna però capire come scegliere i più adatti ed è per questo che abbiamo creato questa guida.

Le cose più importanti in breve

  • I massaggiagengive vengono utilizzati per alleviare il dolore causato dall’uscita dei denti.
  • Ci sono diversi tipi di massaggiagengive, dobbiamo trovarne uno che soddisfi i criteri di sicurezza e di qualità. Bisogna sempre controllare la loro composizione e accertarsi che abbiano l’etichetta “CE”. Dobbiamo, inoltre, utilizzare un massaggiagengive adatto all’età del bimbo, altrimenti potrebbe rivelarsi pericoloso e, anche, inefficace.
  • Sarai tu a scegliere se preferire un massaggiagengive semplice o uno più con più funzioni. Ce ne sono alcuni che danno anche altri stimoli: ne troviamo con sonagli, in gel, di texture e colori differenti.

Classifica: I migliori massaggiagengive sul mercato

Per poterti aiutare nella scelta, innanzitutto abbiamo creato una classifica con i migliori massaggiagengive sul mercato. Potrai così capire quali di questi hanno il miglior rapporto qualità prezzo e le caratteristiche che offrono. Troverai inoltre le opinioni degli acquirenti che ti aiuteranno a capire l’efficacia dei singoli prodotti.

Posto nº1: MAM 816622

Massaggiagengive con una forma innovativa che raggiunge anche la parte posteriore della bocca. La parte con texture massaggiagengive è piena di acqua e dopo averla messa in frigorifero aiuta a rilassare e a calmare il bebè. L’anello della parte inferiore ha una forma facile da afferrare con le mani del piccolo. Non contiene BPA. Consigliato dai 4 mesi.

È uno dei massaggiagengive più venduti su Amazon. Secondo le recensioni è molto apprezzato dai bebè, è resistente e aiuta veramente con il fastidio alle gengive. Viene consigliato di non metterlo nello sterilizzatore, anche se il produttore non dice niente al riguardo.

Posto nº2: NatureBond (set da 2 pezzi con 6 ricambi)

Questo praticissimo set è compreso da 2 massaggiagengive con coperchio e 6 ricambi di varie misure in silicone. Non contengono BPA, latex, piombo e ftalati. La tettarella è progettata per contenere all’interno frutta o altri cibi che insaporiscono e stimolano l’appetito dei piccoli. Viene usato come ciuccio semplice o massaggiagengive. Dai 4 mesi.

Un prodotto particolarmente apprezzato dalle recensioni. La sua struttura che permette di inserire la frutta piace molto, ai piccoli e ai genitori. La qualità dei materiali è ottima, il silicone è morbido e il set risulta conveniente, soprattutto per le 3 diverse misure.

Posto nº3: Fiouni set da 9 pezzi tra massaggiagengive e giochi

Un colorato e divertente set in plastica ABS resistente, senza BPA e adatto per i neonati. Sono 9 diverse forme di dimensione perfetta per le mani dei più piccoli. Sono leggeri e hanno varie forma e texture per dare una varietà di sollievo alle gengive sofferenti. Ideale anche come regalo. Adatto dai 3 mesi.

Le recensioni giudicano il rapporto qualità prezzo ottimo. Il set è molto variegato, robusto e viene apprezzato molto dai neonati. Il contenitore può anche essere usato come salvadanaio.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui massaggiagengive

Al giorno d’oggi, i massaggiagengive sono diventati un oggetto indispensabile per i genitori. Questi articoli si rivelano, in molte occasioni, l’unico rimedio per calmare il dolore dei piccoli. Prima di andare a scoprire quali sono gli aspetti da tenere in considerazione al momento dell’acquisto di un massaggiagengive, dobbiamo chiarire alcune informazioni base su di essi.

massaggiagengive-prima-xcyp1

I massaggiagengive stimolano la crescita dei denti nuovi.
(Fonte: Kuzmina: 32492168/ 123rf.com)

Cosa sono i massaggiagengive esattamente?

Questi utensili vengono utilizzati per alleviare il dolore causato dall’uscita dei denti dei bebé, che è solita avvenire a partire dai 6 mesi, anche se i sintomi iniziano molto prima. Questo processo provoca fastidi e dolore. I bambini si mettono costantemente le mani in bocca per cercare sollievo. I massaggiagengive rappresentano l’opzione più sicura per questo scopo.

Esistono massaggiagengive di diverso tipo e forma, per questo motivo trovare quello più adeguato alle esigenze del nostro piccolo può essere frustrante. Alcuni preferiscono non usarlo, altri invece lo esaltano per i risultati che si ottengono grazie al suo utilizzo.

Iván Abreu YanesPediatra

“È facile vedere come i bambini si mettono le dita, i pugni o gli oggetti in bocca per premere sulle gengive e alleviare il fastidio. Qui è dove entrano in gioco i massaggiagengive.”

Di cosa sono fatti i massaggiagengive?

Oggigiorno possiamo trovarne vari tipi sul mercato. Ogni massaggiagengive ha una composizione differente. Bisogna controllare sempre i componenti per evitare di danneggiare la salute del bebè. Ciò significa che devi accertarti che quelli che sceglierai siano fatti di elementi naturali, che siano ipoallergenici e senza BPA. Inoltre devi anche assicurarti che siano facili da usare ed efficaci e che abbiano un buon rapporto qualità-prezzo.

I materiali più utilizzati sono il silicone, la gomma o la plastica. Questi elementi ovviamente sono adatti all’utilizzo da parte di un bebè, dal momento che sono igienici e sicuri. Inoltre devono superare la prova di qualità denominata “Certificato CE”. Nel caso dei massaggiagengive riempiti con del liquido, questo è solitamente composto di acqua purificata o di gel.

massaggiagengive-xcyp1

Ci sono molti tipi di massaggiagengive, come quelli di plastica, di silicone, le collane per dentizione o i massaggiagengive in gel.
(Fonte: Kuzmina: 54270483/ 123rf.com)

Che tipi di massaggiagengive esistono?

Al giorno d’oggi, abbiamo a disposizione una grande varietà per quanto riguarda questi articoli. Dai più semplici e tradizionali ai più moderni ed avanzati. Possiamo trovarli classificati a seconda del materiale con cui sono composti: di caucciù, di plastica o di silicone. Un altro tipo di massaggiagengive è quello con i sonagli, che provoca anche uno stimolo sonoro oltre al sollievo.

Senza dubbio, la classificazione più comune dei massaggiagengive distingue quelli con o senza gel rinfrescante. Entrambi possono essere validi, l’unica differenza è che quelli con il gel possono essere raffreddati portando così un sollievo più rapido alle gengive. La scelta dipenderà dalle necessità e dai gusti di ogni bimbo e della famiglia.

massaggiagengive-seconda-xcyp1

I massaggiagengive hanno una forma bella e attraente per il bambino.
(Fonte: Kuzmina: 86528154/ 123rf.com)

Inoltre, esistono anche articoli più moderni come le collane o i guanti da dentizione. Le prime vengono tenute dal papà o dalla mamma e i bebè le possono mordere quando sono in braccio. I secondi vengono infilati sul pugno del bebè come dei veri e propri guanti. Non c’è un tipo meglio dell’altro, ognuno ha le sue caratteristiche e le sue funzioni specifiche.

A partire da che età si consiglia l’uso del massaggiagengive?

Questi articoli vengono utilizzati al momento dell’uscita dei denti, ciò avviene a partire dal sesto mese di vita, ma i sintomi appaiono molto prima. Già intorno ai 3 mesi i bimbi cominciano a mordersi i pugni. Il momento di comparsa dei sintomi cambia da bebè a bebè. È importante capire per che età sono raccomandati questi dispositivi.

Ci sono massaggiagengive che sono raccomandati già per l’uso a pochi mesi di vita (come il set da 9 pezzi della nostra classifica). Altri sono consigliati a partire dai 4 mesi (gli altri due tipi di massaggiagengive). Quindi è fondamentale conoscere l’età indicata per l’uso del prodotto. Se non se ne fa un buon uso il massaggiagengive potrebbe non risultare efficace e potrebbe addirittura diventare pericoloso per il bimbo.

Associazione dei Pediatri

“In quei giorni il bambino cercherà continuamente di mordere le cose, lasciamo che lo faccia senza problemi a patto che siano oggetti sicuri.”

Quali sono i vantaggi dell’uso dei massaggiagengive?

Troviamo diverse opinioni e studi riguardanti l’utilizzo di questi prodotti. Alcuni ne incoraggiano l’uso dal momento che ne derivano molti benefici dal suo utilizzo. Possiamo sintetizzare in alcuni punti alcuni dei vantaggi che esso ha sul bebè. Ecco la lista:

  • Sono predisposti per l’uso da parte dei bebè, per questo motivo sono l’opzione più sicura.
  • Servono per calmare e alleviare il dolore.
  • Hanno una dimensione adatta all’età dei bebè ed, inoltre, rafforzano le loro mani e le loro dita.
  • I materiali sono naturali e brevettati così non si corrono rischi per la salute.
  • Sono soliti essere di colori accesi e vistosi, risultando così attraenti agli occhi dei bebè.
  • Se parliamo dei massaggiagengive a sonagli, stimolano il senso dell’udito.
  • Quando premono sulla gengiva, aiutano il processo di fuoriuscita dei denti.
  • Servono anche ad intrattenere i piccoli.

Criteri di acquisto

Al momento di comprare un massaggiagengive, bisogna avere ben chiari una serie di aspetti. Queste nozioni ci permetteranno di trovare l’opzione migliore per il nostro bambino, facendoci scegliere un articolo sicuro e di qualità che darà risultati positivi per quanto riguarda la sua salute. Di seguito, troverai una lista degli aspetti da tenere in conto al momento dell’acquisto:

  • Sostanze tossiche
  • Età consigliata
  • Certificato “CE”
  • Facilità nell’utilizzo
  • Altri stimoli apportati

Sostanze tossiche

È importantissimo che ci soffermiamo sui materiali con cui è fatto il massaggiagengive. Questo è uno dei criteri più importanti. I suoi componenti non devono essere dannosi per la salute del piccolo. I materiali che contiene devono essere naturali “quando possibile” e ipoallergenici. In caso contrario deve essere specificato che sono adatti all’utilizzo da parte dei bimbi.

Come abbiamo già anticipato, i principali materiali con cui sono realizzati i massaggiagengive sono il caucciù, il silicone, la gomma e la plastica. Inoltre se ne trovano riempiti di gel a base d’acqua. Raccomandiamo di non comprare massaggiagengive elettrici, e nemmeno con batterie o vibrazione. Questi elementi, infatti, sono pericolosi per l’età così tenera dei bimbi e potrebbero addirittura provocare incidenti.

massaggiagengive-gel-xcyp1

I bebè sono soliti mettersi di tutto in bocca, per questo motivo il massaggiagengive è un’opzione molto pratica.
(Fonte: Bilkei: 117436099/ 123rf.com)

Età consigliata

È fondamentale conoscere l’età consigliata per l’uso del massaggiagengive che stiamo per comprare. Come abbiamo già visto, ci sono massaggiagengive per ogni tappa della crescita. Questo è un aspetto molto importante dal momento che potrebbe rivelarsi pericoloso utilizzarlo in una fase non indicata. Nel caso dei massaggiagengive di gel, il bambino potrebbe forarlo e provocare la fuoriuscita dello stesso. O, se il bebè è piccolo, potrebbe non riuscire ad afferrarlo.

Esistono massaggiagengive già per i primi mesi di vita, altri che possono essere utilizzati a partire dai 3, i 4 o i 6 mesi. Devi ricordarti sempre di consultare le indicazioni sull’etichetta prima di comprarne uno, in questo modo ti assicurerai che il suo utilizzo sia sicuro ed efficace e che abbia risultati positivi e soddisfacenti per la salute del tuo piccolo.

Etichetta “CE”

Il marchio CE significa che un determinato prodotto ha superato il test, ovvero che è pronto per l’uso. I massaggiagengive vengono sottomessi ad una serie di prove per testarne la sicurezza e l’efficacia. Se le superano, ottengono il marchio CE. Se il massaggiagengive presenta questo marchio sapremo che è di buona qualità.

Questa indicazione è fondamentale dal momento che ci dice che se il prodotto è adatto e sicuro per il nostro bebè. Non dobbiamo comprare nessun massaggiagengive che ne sia sprovvisto, potrebbe rivelarsi pericoloso e non assolvere alle funzioni promesse. Inoltre potrebbe rivelarsi un cattivo investimento.

foco

Ti consigliamo di cercare questa etichetta anche sui giocattoli.

Facilità nell’utilizzo

Al momento di comprare questo prodotto, dobbiamo tenere in considerazione che il massaggiagengive non deve risultare solo attraente, ma anche la sua forma è importante. Se la sua configurazione non è quella più adatta, il nostro bimbo potrebbe non essere in grado di utilizzarlo e non potrà alleviare il forte dolore che ha alle gengive.

Sul mercato ci sono massaggiagengive di tutti i tipi e forme, ma dobbiamo sempre tenere in considerazione la facilità nell’utilizzo. Per questo motivo di raccomandiamo di sceglierne uno che abbia un’impugnatura, dei rilievi e una dimensione adatta alla mano del tuo bebè. Se ha una forma insolita, inoltre, farà in modo che il bebè sperimenti nuove sensazioni ed esperienze.

View this post on Instagram

#guantino #massaggiagengive #ioemamma #sanprisco

A post shared by IO & MAMMA (@ioemamma_pharmasanitaria) on

Altri stimoli apportati

Come abbiamo detto più volte, i massaggiagengive possono essere di vario tipo, dimensioni, materiali e forme. Quindi un altro criterio da tenere a mente nel momento dell’acquisto è se il modello scelto apporta anche altri stimoli al nostro bebè. Questi stimoli possono essere sonori, visivi, olfattivi o tattili. La scelta dipenderà dalle necessità specifiche di ogni famiglia.

Nel caso dei massaggiagengive sonori, il suono sarà uno stimolo molto attraente per il nostro piccolo. Inoltre si distinguono quelli di colori vivi e forme accattivanti. Altri hanno texture diverse che aiutano a sviluppare il senso del tatto del tuo bebè. Questi ultimi, in più, premono maggiormente sulle gengive e fanno si che il dolore si allevi più velocemente.

Conclusioni

Con la comparsa dei sintomi causati dall’uscita dei denti, è necessario trovare un modo di calmare il bebè. Un alleato utile in questi casi é il massaggiagengive, che deve sempre rispettare i criteri di sicurezza e le qualità necessarie per venire usato durante questa tenera età. I massaggiagengive non solo alleviano il dolore del piccolo, ma apportano altri stimoli visivi, sonori e tattili.

Ci sono vari tipi di massaggiagengive, ad esempio quelli di plastica, di silicone, le collane di dentizione o i massaggiagengive con gel. Dobbiamo trovare quello che più corrisponde alle esigenze del nostro bimbo. Infatti, dobbiamo scegliere quello che più si adatta all’età del nostro piccolo. Ce ne sono per ogni età, a partire dalla nascita a tutte le fasi seguenti, come quella dei sei mesi.

Speriamo che l’articolo ti sia stato utile e d’aiuto per capire quale massaggiagengive più si adatta alle necessità del tuo bimbo. Se ti fa piacere puoi condividere l’articolo e raccontarci la tua esperienza nella sezione dei commenti!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Kuzmina: 54270483/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
20 Voto(i), Media: 5,00 di 5
Loading...